Dolore al polso, gomito e spalla nei gamer, i 4 errori da evitare!

Tempo di lettura indicativo: 7 minuti 🔖

Sempre più spesso i gamer presentano delle problematiche al polso, al gomito o alla spalla, soprattutto a livello dell’arto superiore destro che controlla il mouse a causa di alcuni errori che commettono involontariamente.

I carichi di allenamento e gioco stanno crescendo sempre di più in termini di tempo per garantire prestazioni più elevate. Il numero di player sta crescendo esponenzialmente a livello mondiale e quindi queste problematiche affliggono sempre più persone. Fortunatamente ci sono strumenti efficaci per risolverle, dai un’occhiata all’articolo “Come riconoscere una tendinite e risolverla!

Come prima cosa è necessario evitare di commettere degli errori grossolani che portano ad un rallentamento dei tempi di risoluzione e di recupero. Tempi di risoluzione più lunghi incidono negativamente sulle prestazioni del gamer e se sei un proplayer sai bene cosa significhi questo per te e per la tua carriera!

I 4 errori più diffusi da evitare

Quindi vediamo insieme quali sono gli errori più diffusi da evitare assolutamente per guarire al meglio e più velocemente eliminando il dolore a polso, gomito e spalla:

  • Pensare che tutti i problemi simili hanno soluzioni uguali

  • Essere troppo generici nella diagnosi
  • Non valutare il player in maniera sistemica
  • Non valutare il contesto ambientale e comportamentale

Vediamoli uno per uno comprendendo perché è importante evitarli e soprattutto come fare:

1. I dolori non sono tutti uguali ne tanto meno le soluzioni! Pensare che la soluzione adottata da un altro player o un amico che aveva un dolore simile al tuo sia adatta anche a te senza approfondire una corretta diagnosi è una delle cause per cui i problemi si protraggono nel tempo.

Mettere in campo una soluzione scorretta solo per una valutazione approssimativa e poco attenta del problema può farti perdere tempo, energia e denaro! Il dolore non è altro che un segnale del corpo che avvisa il nostro cervello che qualcosa non sta funzionando correttamente. Ci impedisce di fare un’attività che potenzialmente crea un danno al nostro corpo.

Pensa ad una gamba fratturata, ci fa male quando l’appoggiamo e questo ci costringe a non portarci il peso e a non utilizzarla finché non guarisce. Il dolore è una guida e può essere diverso per durata, intensità, frequenza, causa e modalità di insorgenza. Quindi ci sono tanti tipi diversi di dolore che ci parlano del problema.

E’ necessario il supporto di un professionista per valutare il tipo di dolore e la sua origine e le informazioni che fornisce per cercare la soluzione più efficace per quel dolore specifico. Non farlo significa applicare una soluzione generica che il più delle volte risulta poco efficace.

2. Un’articolazione ( come il polso, il gomito o ancora meglio la spalla) è costituita da più strutture anatomiche che funzionano insieme come un complesso ingranaggio. Per applicare la soluzione corretta è necessario individuare con precisione qual’è o quali sono le parti dell’articolazione che non funzionano correttamente.

E’inefficace pensare ad una soluzione generica per un “gomito” un “polso” o una “spalla”. Sarebbe come sparare senza vedere correttamente l’obiettivo, lo colpisci solo se hai fortuna e affidarsi alla fortuna quando si cura la persona non è mai una buona cosa!!!

Sia che utilizziamo un laser, un’infiltrazione, una crema o una manovra di terapia manuale, è necessario sapere prima qual’è, o quali sono, i reali bersagli del nostro intervento! E’ solitamente un professionista che valuta il problema con dei test specifici o a volte anche ricorrendo a degli esami strumentali come un’ecografia, una radiografia o una risonanza magnetica. Questi consentono di vedere cosa accade dentro all’articolazione, in sostanza ci permettono di “osservare come funziona il motore senza aprire il cofano dell’auto”!

3. Pensare che l’articolazione non sia collegata da un punto di vista anatomico e funzionale al resto del corpo! Ci sono infatti strutture vascolari, muscoli, tendini, fibre nervose e ormoni che connettono tutte le parti del nostro corpo.

Quindi l’analisi del problema non può prescindere da una valutazione generale di tutto il corpo da un punto di vista metabolico e posturale. Infatti la funzionalità del polso è legata a quella del gomito e della spalla. Queste dipendono a loro volta dalla funzionalità della colonna vertebrale cervicale e dorsale.

Non si può valutare il particolare senza rammentarci che fa parte di un tutto, di un quadro generale più ampio che influisce sull’attività della singola articolazione. Anche nel caso di dosaggi ormonali scorretti, di carenze di alcune sostanze o di malattie metaboliche possiamo vedere coinvolte molteplici articolazioni in uno stesso player. In questo caso parliamo di patologie sistemiche che vanno valutate da un professionista sanitario.

4. Il player che ha un problema ad una articolazione non può essere valutato al di fuori dal proprio contesto. E’ importante infatti valutare la sua postazione di gioco e le sue abitudini quotidiane anche al di fuori dell’attività specifica del gaming. Così potrai comprendere se ha dei modelli comportamentali che sono alla base del suo stato di sofferenza.

Come ad esempio una sedia regolata male, una scrivania poco profonda o uno schermo con altezza scorretta rispetto alla posizione degli occhi. Questi sono elementi posturali che possono creare disagi articolari ma anche un modo sregolato di riposare, di mangiare o di fare attività fisica. Potrebbero essere una delle cause del tuo dolore. Anche in questo caso l’analisi di un professionista che si occupa del controllo della postura e dell’equilibrio del sistema metabolico può essere un’arma vincente e fare la vera differenza.

  

Rivolgiti sempre ad un professionista del settore!

Ti ho appena presentato quelli che sono i 4 errori più diffusi assolutamente da non commettere se vuoi risolvere il tuo problema al gomito, al polso o alla spalla. Questa riflessione può essere valida per il trattamento di qualsiasi problematica fisica di un gamer. Pertanto se hai un qualche problema articolare che ti impedisce di allenarti o di giocare al tuo massimo livello e hai già provato a risolverlo commettendo uno di questi errori, è il momento di cambiare strada! Fatti valutare al più presto da un professionista che segue i gamer e conosce in modo specifico le patologie legate agli esport. In questo modo potrai recuperare il prima possibile la tua piena forma e le tue prestazioni!

In oltre continua a leggere gli altri articoli di Dottor Gamer dove troverai preziose indicazioni e consigli su come superare e prevenire le patologie legate agli esport. Se hai delle domande non esitare a contattarci via mail o whatsapp. Cercheremo di darti il massimo supporto per guidarti nella ricerca della miglior soluzione al tuo problema.

Gioca con consapevolezza, divertiti sempre e diventa un campione!

Se questo articolo ti è piaciuto iscriviti alla newsletter così potrai rimanere sempre aggiornato su tutte le ultime ricerche e novità per migliorare la salute e diventare un player di alto livello!

Di |2020-04-09T19:35:09+02:00Aprile 2nd, 2020|esport, movimento, patologie, performance|0 Commenti

Scritto da:

Torna in cima