Tempo di lettura indicativo: 7 minuti 🔖

Hai un forte dolore al polso o al gomito e hai il dubbio di avere una tendinite? Non sai come riconoscerla? E soprattutto non sai cosa fare per risolvere al più presto il tuo problema che ti rende difficile l’allenamento e riduce le tue prestazioni in gara?

Come ti ho già spiegato nel precedente articolo dal titolo “Dolore al polso, gomito e spalla nei gamer, i 4 errori da evitare!”, ogni dolore articolare richiede un’attenta valutazione per comprendere quale parte dell’articolazione sta dando un segnale di dolore. Una delle strutture articolari maggiormente interessate da stati irritativi e infiammatori è il tendine.

Come riconoscere i segni di una tendinite ad un polso, ad una spalla o ad un gomito e cosa fare per risolverla al più presto?

Molte volte infatti, a causa di movimenti ripetitivi con la tastiera, il mouse o il joypad, i tendini dei gamer professionisti vanno incontro a delle micro lesioni.

Queste piccole lesioni ripetute nel tempo creano danni importanti a livello tendineo. Il corpo quindi inizia a riparare i tessuti lesionati attraverso un meccanismo che chiamiamo abitualmente processo infiammatorio.

Quindi l’infiammazione di un tendine non è altro che il naturale tentativo del corpo di riparare il tessuto tendineo  che è stato lesionato.
La lesione può essere dovuta ad un trauma contusivo come una botta o una caduta, oppure ad un sovraccarico funzionale.

Il sovraccarico funzionale può a sua volta essere causato da:

  • Un grande sforzo compiuto per poco tempo o
  • Da un piccolo sforzo compiuto per troppo tempo.

Ma quali sono le caratteristiche di una problematica al muscolo o al tendine che ci permettono di diagnosticare una tendinite?

Ci sono alcuni segnali che ti possono aiutare a comprendere, anche da solo, se il dolore che stai sentendo è potenzialmente causato da una tendinite.

I 3 segnali di una tendinite

Ecco quali sono i segnali che ti permettono di riconoscere una tendinite ad un polso, ad una spalla o ad un gomito e  risolverla al più presto:

1.Tipologia del dolore

Un dolore causato da un tendine infiammato solitamente si fa sentire intensamente durante i primi movimenti al risveglio o dopo che l’articolazione è rimasta a riposo per un periodo prolungato.

Quando un tessuto tendineo si “scalda” diventa più morbido ed elastico e meno sensibile agli stress meccanici, pertanto in questo caso il dolore si riduce.

Quando rimango fermo per un periodo prolungato il tendine è meno irrorato di sangue e la sua temperatura è più bassa. Questo può accadere ad esempio al risveglio dopo una notte di riposo o dopo un paio d’ore passate guardando un film. Questo comporta una maggiore rigidità del tessuto ed una maggiore sensibilità alle stimolazioni meccaniche.

Man mano che utilizziamo il muscolo, il suo tendine viene maggiormente irrorato di sangue. La sua temperatura sale, il tessuto di cui è fatto diventa più elastico ed il dolore diminuisce. L’inattività crea esattamente il processo opposto.

Quindi se senti un dolore più forte con i primi movimenti al mattino o quando i tessuti sono a riposo e più “freddi “, mentre il sintomo migliora con l’utilizzo ed i riscaldamento della parte, allora ,molto probabilmente, si tratta di una tendinite!

2. Dolore a riposo o durante il movimento

Le tendiniti solitamente non danno forti dolori quando l’articolazione è a riposo ovvero quando non si sta muovendo, mentre si avverte dolore durante il movimento!

Questo dolore aumenta tanto più è intenso il lavoro muscolare richiesto. Il dolore che compare durante il movimento e si riduce a riposo è un’altro segnale che associato  al precedente può farmi pensare ad un a infiammazione.

3. La palpazione

Un’altro segnale un po’ più complesso da verificare è dato dalla palpazione. Nel caso di una tendinite la compressione del tendine fatta con le dita produce dolore.

Ovviamente questo richiede qualche conoscenza in più di anatomia ma non è impossibile fare da soli questa valutazione.

Infatti se il dolore compare alla palpazione di un’articolazione o di un altra area in cui non ci sono tendini, quasi sicuramente non si tratta di una tendinite ma di un dolore causato da qualche altro fattore.

Questi sono semplici segnali che ti possono aiutare a comprendere se il tuo dolore al polso, al gomito o ad una spalla è causato da una tendinite.

Ovviamente se ti rivolgerai ad un professionista della salute saprà aiutarti a confermare o meno la tua ipotesi indicandoti in caso affermativo esattamente qual’è il tendine interessato.

Cosa fare in autonomia

Se sei da solo e non puoi avere i supporto di un professionista e pensi di avere una tendinite ecco alcuni strumenti facili che puoi utilizzare da subito per affrontare il problema e che, in caso di scorretta diagnosi, non creano gravi  problemi di salute:

  1. Impacchi di argilla verde: si tratta di mescolare l’argilla verde in polvere con dell’acqua e applicarla sulla parte dolente lasciandola riposare per alcune ore coprendola con un panno o una garza di cotone, oppure in mancanza di altro con della pellicola trasparente da cucina. 
  2. Ghiaccio/calore: entrambi hanno un effetto analgesico e consentono una riduzione del dolore. Il calore solitamente è più apprezzato proprio perché, come ti ho già spiegato, rende i tessuti più flessibili ed elastici.
  3. Arnica o la radice dell’artiglio del diavolo: sono due piante medicamentose che hanno un potente effetto antinfiammatorio. Reperibili in erboristeria o parafarmacia sotto forma di olio o pomata.
  4. Curcuma: spezia utilizzata abitualmente per la preparazione di cibi contiene la curcumina una sostanza con potente effetto antinfiammatorio. Utilizzata nella preparazione del cibo fornisce un aiuto ad affrontare gli stati infiammatori sistemici che coinvolgono non solo muscoli e tendini ma anche altri tessuti articolari.
    Esiste in commercio anche come integratore concentrata in alti dosaggi, disponibile senza prescrizione medica proprio perché considerato un integratore alimentare.

Ecco il link se lo vuoi acquistare per tenerlo in casa come rimedio naturale: Curcudyn

Ora sai come riconoscere i segni di una tendinite ad un polso, ad una spalla o ad un gomito e cosa fare per risolverla al più presto.

Gioca con consapevolezza, divertiti sempre e diventa un campione!

Se questo articolo ti è piaciuto iscriviti alla newsletter così potrai rimanere sempre aggiornato su tutte le ultime ricerche e novità per migliorare la salute e diventare un player di alto livello!

  • Aggiungi al Frasario
    • Non ci sono elenchi di parole per Inglese -> Italiano…
    • Crea un nuovo elenco di parole…
  • Copia